+44 (0) 1425 463217







Integrare un Social Media Strategist in azienda

Analizzando una recente ricerca Altimeter Group è evedinte l’urgenza per molte aziende di portare in casa un expertise adatta a gestire una presenza strategica nei social media. Il ruolo del social media strategist è in crescita, ce ne rendiamo conto dai profili Linkedin con i quali entriamo in contatto ogni giorno. Ma come scegliere una persona adatta a questo ruolo e quale impatto ha sull’organizzazione?

Se pur in Italia ancora poche aziende hanno la possibilità in termini di processi ed economici di creare un team dedicato, è interessante capire in base alle esperienze che stiamo portando avanti in 90:10 Group a livello europeo, quali sono i punti chiave in questo processo.

Questi sono i consigli che possiamo estrapolare dal report:

  1. Hire a program manager rather than a social media “hot shot.”
  2. Seek candidates with a track record of early technology adoption in their careers.
  3. Scrutinize how they have used social media in the past.
  4. Seek backgrounds that demonstrate the ability to manage dotted-line resources and agency partners.
  5. Look for a corporate entrepreneur, comfortable with “calculated risks.”
  6. Ensure a culture fit – as the Social Strategist will tackle change management.
  7. Find a natural born connector – both internally and externally.
  8. Celebrate those risks by enabling them to “fail forward,” while clearing their obstacles.
  9. Enable them to connect to peers and invest in their knowledge and career growth.
  10. Protect your investment by providing new challenges and compensate well – they are highly coveted.

Nella mia esperienza alcune delle figure che ora ricoprono il ruolo di Social Media Manager sono emerse proprio dall’interno dell’organizzazione grazie alla loro esperienza di Project Manager e la capacità di evangelizzazione nei diversi livelli aziendali.

Tali collaboratori sono degli evangelist fondamentali per accelerare la Social Media Readiness di un azienda, al fine di integrare non solo i media sociali ai processi esterni (comunicazione e marketing), ma soprattutto a quelli interni. (business intelligence, innovazione, CRM).

Se sviluppare un piano e una strategia richiede una visione globale e pensare ad un Social Media Manager è probabilmente prematuro a livello locale, è un passaggio imminente negli HQ. Il comitato rappresentativo delle decisioni legate ai media sociali dovrebbero soprattutto:

  • Evangelizzare nuove iniziative
  • Misurare e riportare all’interno gli insight provenienti dalle attività
  • Team Management
  • Lavorare con agenzie e consultant conoscendo gli obiettivi che l’azienda vuole e può raggiungere

Sono tuttavia necessarie delle policy interne e il delineamento dei ruoli i fattori vincenti per eliminare i blocchi interni e andare verso l’innovazione dei processi.

[slideshare id=5721616&doc=careersocialstrategist-101109193238-phpapp02&type=d]


Enhanced by Zemanta
  • http://tv-base.com/ watch online tv free

    grazie amigo! grande post!