+44 (0) 1425 463217







Nike e Adidas e gli spot per i mondiali: analisi di una sfortunata coincidenza

A meno che non siete rimasti per qualche mese su un isola deserta, avrete seguito nel bene o nel male i mondiali 2010 giocati in Sud Africa. Chi sicuramente non gli avrà persi sono i due brand leader del mercato sportivo Nike e Adidas, che qualche mese prima hanno puntato su una strategia multicanale, con protagonisti due rispettivi video. Durante una visita di un mio amico qui a Parigi, ci siamo lanciati su una riflessione , ritrovata senza volerlo il giorno dopo anche su twitter e alcuni blog UK.

 

Entrambi hanno messo a disposizione alcuni dei più grandi campioni dei nostri giorni, provenienti ognuno da squadre diverse, per assicurarsi una buona percentuale di riuscita qual’ora una delle squadre riuscisse ad andare in finale o addirittura a vincere. Nuance: Adidas decide in più di inserire un icona del calcio come Zidane, dalla forte carisma e distaccato ormai da qualsiasi esito sportivo.

Il video Adidas:

Una strategia 100% web con un video dal mood fumettistico in stile Heroes, dove i testimonial giocano un ruolo distaccato dalla realtà e soprattutto le immagini si focalizzano sul prodotto (una delle scarpette da calcio lanciate per i mondiali). Visualizzazioni inferiori rispetto a quelle di Nike, ma una buona interazione nei Forum, la pagina facebook e alcuni blog che hanno ripreso il video.

[C'é un video che non può essere mostrato in questo feed.Visita la pagina dell'articolo per poter vedere il video.]

Il video Nike:

Un video spettacolarmente ben realizzato tanto da creare un vero effetto virale online, uno storytelling ben ideato accompagnato da un gruppo di super campioni. A differenza dello spot Adidas non ci si concentra sul prodotto, ma in particolar modo sul lato emozionale.

[C'é un video che non può essere mostrato in questo feed.Visita la pagina dell'articolo per poter vedere il video.]

Il disastro Nike:

Pur puntando sull’elite, Nike sembra essere incappata in una sorta di “Final destination effect”, dove ognuna delle squadre capitanate dai testimonial scelti ha fallito in modo del tutto inprevisto. Come ben riassume ADFreak:

Didier Drogba: si è rotto un braccio, Ivory Coast eliminata
Fabio Cannavaro: capitano dell’Italia, eliminata al primo turno
Wayne Rooney: dnon ha segnato nemmeno un goal, England eliminata
Franck Ribéry: …la Francia?
Ronaldinho: non è stato nemmeno convocato
Cristiano Ronaldo: Portogallo eliminato e ha segnato solo un goal

A quanto pare Nike è corsa ai ripari presentando questo nuovo video con il campione brasiliano Robinho, che si stà comportando molto bene in questo mondiale.

[C'é un video che non può essere mostrato in questo feed.Visita la pagina dell'articolo per poter vedere il video.]

Altrimenti rimane sempre il vecchio e caro Homer Simpson